Come funziona un amplificatore per casse passive? Info, guida

1
2
3
4
5
auna AV2-CD708 - stereo HiFi , Amplificatore audio (Nero CD850BT)
Docooler - Radio portatile per auto o casa, con telecomando ed amplificatore, stereo HiFi e mini...
docooler Amplificatore Audio HiFi Stereo 12V / 220V Display LCD Mini 2CH BT FM Radio Portatile...
Skytronic 103.208 AV-100 Amplificatore Stereo, Nero
Auna Amp3 - Mini Amplificatore, Amplificatore Hi-Fi, USB, AUX e Line-in, Equalizzatore a 2 Bande,...
auna AV2-CD708 - stereo HiFi , Amplificatore audio (Nero CD850BT)
Docooler - Radio portatile per auto o casa, con telecomando ed amplificatore, stereo HiFi e mini...
docooler Amplificatore Audio HiFi Stereo 12V / 220V Display LCD Mini 2CH BT FM Radio Portatile Auto...
Skytronic 103.208 AV-100 Amplificatore Stereo, Nero
Auna Amp3 - Mini Amplificatore, Amplificatore Hi-Fi, USB, AUX e Line-in, Equalizzatore a 2 Bande,...
Auna
docooler
docooler
Skytronic
Auna
OffertaBestseller No. 41
auna AV2-CD708 - stereo HiFi , Amplificatore audio (Nero CD850BT)
auna AV2-CD708 - stereo HiFi , Amplificatore audio (Nero CD850BT)
Compatibilità: la possibilità di connessione dell' amplificatore orientare il domestica Hi-Fi...Con e senza cavo: oltre 3 uscite RCA Line è possibile trasmettere il segnale ad altri dispositivi...Tuffati nel suono: l' amplificatore anschlussfreudige in design retrò, con 5 X 80 W RMS...
189,99 €154,99 €
Bestseller No. 42
Docooler - Radio portatile per auto o casa, con telecomando ed amplificatore, stereo HiFi e mini...
Docooler - Radio portatile per auto o casa, con telecomando ed amplificatore, stereo HiFi e mini...
Mini amplificatore di potenza audio bt digitale HIFI.Scheda SD, disco U, riproduzione in formato MP3, supporto connessione wireless bt.Due slot per ingresso microfono, sistema di karaoke a casa tua o in auto.
Bestseller No. 43
docooler Amplificatore Audio HiFi Stereo 12V / 220V Display LCD Mini 2CH BT FM Radio Portatile Auto...
docooler Amplificatore Audio HiFi Stereo 12V / 220V Display LCD Mini 2CH BT FM Radio Portatile...
Mini HiFi Digital BT amplificatore di potenza audiodisplay LCD incorporata, con funzione di retroilluminazione.scheda SD, disco U, riproduzione di formato MP3, connessione Wireless BT. supporta radio FM Stereo.
OffertaBestseller No. 44
Skytronic 103.208 AV-100 Amplificatore Stereo, Nero
Skytronic 103.208 AV-100 Amplificatore Stereo, Nero
83,30 €59,89 €
OffertaBestseller No. 45
Auna Amp3 - Mini Amplificatore, Amplificatore Hi-Fi, USB, AUX e Line-in, Equalizzatore a 2 Bande,...
Auna Amp3 - Mini Amplificatore, Amplificatore Hi-Fi, USB, AUX e Line-in, Equalizzatore a 2 Bande,...
99,99 €79,99 €

Le tue casse non sono dotate di un amplificatore? Non preoccuparti, questo non è un problema: gli altoparlanti, se sprovvisti, possono essere facilmente integrati con un amplificatore esterno. In questo articolo scopriremo maggiori dettagli su come comportarsi in questo caso.

 

Amplificatore e casse passive: maggiori dettagli

Per capire quale sia l’amplificatore più adatto per il nostro impianto, è necessario, prima di tutto, avere un’infarinatura sui modelli di casse che possiamo trovare in commercio.

Il mondo degli altoparlanti si divide in due categorie: parliamo quindi di casse attive e quelle passive. Tra queste due tipologie vi sono delle differenze, che possiamo riassumere parlando della modularità del suono. Questo perché le casse attive permettono già da sole una personalizzazione della riproduzione, molte hanno anche la possibilità di regolare i filtri crossover.

Filtri crossover

I filtri crossover hanno la funzione di sezionare lo spettro sonoro, per poi inviare ogni porzione agli altoparlanti separatamente. Possono essere di due tipi: i filtri crossover attivi e quelli passivi. Quelli che ci interessano principalmente sono i filtri attivi, che agiscono sulle frequenze subito dopo il preamplificatore, quando il segnale è ancora a basso livello.

È possibile modificare l’intervento dei filtri attraverso le impostazioni, riuscendo così ad ottimizzare l’acustica e la riproduzione anche a seconda della melodia; e ad evitare delle distorsioni, come le intermodulazioni.

Si parla di casse passive quando al loro interno non è presente l’amplificatore. Quest’ultimo, infatti, può essere già integrato con gli altoparlanti, ma in caso non lo fosse è necessario integrare l’impianto con un amplificatore esterno. Si differenziano dalle casse attive anche per l’equalizzazione del suono, che serve per bilanciare le frequenze del segnale. Nelle casse passive, al contrario delle altre, questo deve essere regolato manualmente, per cui è necessario prestare un po’ di attenzione, in quanto una regolazione errata può causare delle distorsioni.

I pro e i contro delle casse passive

In questa sezione analizziamo insieme tutti i vantaggi e gli svantaggi di questa tipologia di casse.

Pro

Tra i vantaggi delle casse passive, troviamo diversi punti. Prima di tutto, riuscendo ad applicare le giuste impostazioni, le casse passive sono in grado di garantire delle alte prestazioni nel tempo. Sono anche più economiche rispetto a quelle attive, per cui con le giuste capacità si è in grado di ottenere una buona qualità ad un costo contenuto. Infine sono progettate per essere durature nel tempo, in quanto sono pensate per stare fisse in un punto, e questo è in grado di preservarle meglio.

Contro

Uno dei contro dell’utilizzo delle casse passive è proprio il fatto di dover regolare diverse impostazioni ed affidarsi ad altri dispositivi. Se non si è esperti di acustica, questa tipologia di casse può risultare davvero difficoltosa da usare, dando dei problemi nella riproduzione. Un altro fattore “negativo” è il peso: sono scomode da spostare e sono spesso ingombranti, per cui occorre sapere bene dove posizionarle.

Come scegliere il proprio amplificatore

Ora che abbiamo un’idea più chiara sugli apparecchi di cui stiamo parlano e vogliamo collegare tra loro, possiamo parlare degli amplificatori.

Gli amplificatori più adatti al collegamento con delle casse passive sono disponibili in commercio per tutte le tasche: esistono anche dei modelli low cost molto validi, per cui prima di tutto valuta quali sono le tue aspettative riguardo questi dispositivi.

Per una scelta oculata è bene conoscere le caratteristiche delle proprie casse passive, e scegliere il proprio amplificatore in relazione ad esse, verificando le specifiche tecniche. Le caratteristiche che incidono maggiormente sui collegamenti tra i diversi dispositivi sono la potenza (watt) e l’impedenza (Ohm).

RMS: il Root Mean Square è un valore che permette di capire quanto incidono gli effetti termici sulle resistenze e le perdite. Si tratta del voltaggio – o potenza di picco, ovvero l’energia massima che i componenti dell’amplificatore possono gestire senza subire danni.

È necessario verificare la potenza in quanto, per un corretto funzionamento, quella delle casse non deve essere superiore rispetto a quella dell’amplificatore. L’impedenza indica, invece, il carico di energia che viene inviato da un apparecchio all’altro, per cui è necessario che questo valore sia supportato da entrambi i dispositivi.

Considerazioni finali

Le casse passive sono l’ideale per tutti quegli impianti “fissi”, per cui si ha bisogno di altoparlanti che garantiscano una riproduzione di qualità con alte prestazioni costanti nel tempo. Al contempo, però, è quasi fondamentale che coloro che scelgono questa tipologia di dispositivi, si intenda almeno un minimo di acustica. Hanno bisogno di una regolazione manuale delle impostazioni, oltre che di un amplificatore esterno, per cui per una riproduzione ottimale è importante sapere cosa fare e, soprattutto, come farlo.

L’amplificatore da utilizzare insieme alle casse passive, deve essere scelto tenendo conto delle specifiche tecniche di tutti gli apparecchi coinvolti. Questo permetterà una riproduzione fedele del suono, evitando fastidiose distorsioni, e fenomeni come il clipping. Scegliere il proprio amplificatore per delle casse passive richiede, perciò, qualche attenzione in più, ma con le giuste conoscenze è possibile ottenere prestazioni altissime.


Articolista, classe 1988, si avvicina alla scrittura sin dalla più giovane età. Negli anni, a seguito dei suoi studi umanistici e del suo amore per la lettura, accresce la sua passione tanto da decidere nel 2018 di avvicinarsi al mondo degli articoli web e del copywriting, divenendo ad oggi il suo settore di competenza, nonché la sua professione attuale.

Back to top
Apri Menu
Amplificatore Migliore